Follow by Email

martedì 23 maggio 2017



LO STUDIO LEGALE M.A.SANCIPRIANI IN PARTERARIATO CON LA SEDE ZONALE LABOR BARI
PROPONE
CLASS ACTION
DIRETTA AI DIPENDENTI DEI MINISTERI, DI PROVINCE, COMUNI, REGIONI E DI TUTTI GLI ENTI PUBBLICI, NON SOLO COLORO CHE SONO IN SERVIZIO MA ANCHE I PENSIONATI

A SEGUITO SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE N. 178 DEL 24.06.2015 CHE HA DICHIARATO L'ILLEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE DEL BLOCCO DEGLI STIPENDI.

LA LEGGE N. 448/1998 STABILISCE IL DIRITTO PER  I DIPENDENTI STATALI DEL BENEFICIO OGNI ANNO DELL'ADEGUAMENTO RETRIBUTIVO RISPETTO 

ALL'AUMENTO DEL COSTO DELLA VITA CALCOLATO IN BASE AGLI INDICI ISTAT.
LA LEGGE N. 122/2010 DI CONVERSIONE DEL D.L. 78/2010 (ART. 9 COMMA 17) HA DISPOSTO IL BLOCCO DEGLI STIPENDI DALL'ANNO 2010.

LA CORTE COSTITUZIONALE HA DICHIARATO L'ILLEGITTIMITÀ DI QUESTA NORMA A PARTIRE DALLA PUBBLICAZIONE DELLA SENTENZA E CIOÈ AGOSTO 2010.

E’ POSSIBILE OTTENERE TUTELA GIURISDIZIONALE CHIEDENDO IL RINNOVO, L'INDENNIZZO DALL'ANNO 2010 ALL'ANNO 2015 E IL RISARCIMENTO DEL DANNO DAL GIORNO DI PUBBLICAZIONE DELLA SENTENZA, IL TUTTO PER UN IMPORTO DI CIRCA 10.000,00 EURO PER DIPENDENTE.

PER INFO 0809265150  - 3388447267 VIA QUINTINO SELLA 207 BARI

Cumulo gratuito dei contributi: recesso e restituzione degli oneri già versati - La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica

Cumulo gratuito dei contributi: recesso e restituzione degli oneri già versati - La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica

martedì 25 aprile 2017

A n n u n c i o

STUDIO LEGALE SANCIPRIANI
partners LABOR BARI



CONSULENZA PENSIONISTICA INPS /INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

Anticipata - vecchiaia - opzione donna - APE - superstiti
Assegno ordinario invalidità - pensione inabilità - supplemento - pensione supplementare

Quello che non sai sulla tua pensione attuale e futura te lo spieghiamo noi


X info mail Sancipriani.ma@gmail.com 

venerdì 21 aprile 2017

Interessante sentenza della Cassazione emessa il 12.04.2017 n 9395 sull'ipotesi di licenziamento per superamento del periodo di comporto del lavoratore invalido iscritto alle categorie protette. La Cassazione precisa che se la motivazione dell'assenza dal lavoro è dovuta alla patologia invalidante il suddetto periodo non viene calcolato nel comporto.
Questa sentenza si affianca ad altre possibilità poste a tutela del lavoratore che contrae una patologia invalidante nel corso del rapporto di lavoro.
Ricordiamo in primis il codice etico che dà la possibilità ad esempio ad un malato oncologico di vedersi prolungato il periodo di comporto oltre a non far inserire nel computo delle assenze i ricoveri, i periodi di day hospital o i periodi terapeutici.
Si ricordi che non tutte le contrattazioni collettive hanno recepito con apposite integrazioni questa possibilità.